GUIDA - Appalti di lavori e di servizi e forniture
Graduatoria offerte di solo prezzo (ribasso sul prezzo)
Rev. 5.02 - 07 maggio 2018

Chiudi la guida

articolo 97, commi 2 e 8, del decreto legislativo n. 50 del 2016
 (Nota)

 

Se il programma all'avvio o all'attivazione del Pannello di gestione restituisce un errore iniziale del tipo "Errore di compilazione ..." oppure "Errore di compilazione: Impossibile trovare il progetto o la libreria", consultare l'HELP ed effettuare le operazioni suggerite in tale guida di help:

1. Introduzione e input dei dati

All'apertura del file compare il pannello principale attivo ma ridotto alle dimensioni minime.

Sul foglio di Excel sono sempre disponibili tutti i menù e i comandi ordinari di Excel (Apri, Chiudi, Salva, Salva con nome, Stampa ecc.).
Per l'introduzione dei dati è necessario attenersi alle istruzioni per evitare la modifica o la cancellazione accidentale delle formule.

In ogni caso introdurre offerenti ed offerte esclusivamente le celle con fondo di colore verde!

Intestazione iniziale di default
Nella seconda e quarta riga, immettere le indicazioni rituali per l'identificazione delle procedura (indicazioni facoltative).

Queste sono le prime righe della tabella, di default, per l'inserimento dei dati a base di gara.

Completate le colone verdi, avviare il programma con il comando di avvio ed espansione del pannello:

Se il pannello non compare effettuare l'avvio di emergenza con doppio click del mouse nell'area sensibile di colore rosso.

In ogni momento, in caso di emergenza (ad esempio in caso di chiusura involontaria del pannello di controllo)  è possibile riavviare il pannello con un doppio click del mouse nell'area sensibile con fondo rossiccio in alto a sinistra del foglio di Excel.

Introdurre l'importo a base di gara soggetto a ribasso nella cella «totale A RIBASSO» con fondo verde. L'indicazione è obbligatoria.
Introdurre l'importo degli oneri di sicurezza NON soggetti a ribasso (da PSC per i lavori o da DUVRI per servizi e forniture) nella cella «Oneri e costi non ribassabili» con fondo verde

Introdurre gli offerenti e le offerte nelle rispettive colonne «Offerente» e «Ribasso %» con fondo di colore verde.
Comunque il sistema non funziona in assenza di almeno 5 offerenti immessi nella colonna verde («Offerente») e di 5 offerte nella colonna verde «Ribasso %»
Le offerte devono essere inserite senza il simbolo «%» e con il separatore dei decimali «,» (virgola) e non con il «.» (punto).
Il sistema formatta automaticamente le offerte con 4 cifre dopo la virgola.
Non introdurre alcunché delle colonne «n.» e «Contratto».
Se gli offerenti sono già stati introdotti in precedenza (prima dell'apertura formale della gara) e si vuole mantenere l'ordine di numerazione (di norma la numerazione è attribuita PRIMA dell'esame della documentazione per l'ammissione), gli offerenti esclusi o non ammessi devono essere individuati con l'offerta «0» (zero) nella colonna «Ribasso %». In tal modo sarà conservata la numerazione originaria anche in presenza di offerte escluse.

L'avvio a vuoto (senza offerte) o con meno di 5 offerte o omettendo un offerente provoca uno dei seguenti messaggi

Al primo avvio con il comando di «avvio ed espansione del pannello» il pannello di gestione compare come nel seguito.
La maggior parte dei comandi è disabilitata, ad eccezione dell'accesso alla presente guida e del riquadro «Scelta del metodo».
Ovviamente si tratta della scelta del metodo tra i 5 previsti dall'articolo 97, comma 2, del Codice dei contratti).

E' abilitata anche la scelta delle opzioni tra «LAVORI» e «SERVIZI FORNITURE»; tuttavia tale scelta non influisce sul calcolo della soglia di anomalia ma solo sull'applicazione dell'esclusione automatica delle offerte anomale se prevista dagli atti di gara ai sensi dell'articolo 97, comma 8, del Codice dei contratti). L'esclusione automatica infatti non è ammessa per lavori di importo pari o superiore a 2.000.000 di euro e per servizi e forniture di importo pari o superiore alla soglia di rilievo comunitario.
Per default, in assenza di scelta, il programma propone la routine «LAVORI».

 
La casella di controllo «ESCLUSIONE AUTOMATICA» non compare quando vi sono meno di 10 offerte ammesse.
L'uso della casella di controllo, quando l'importo a base di gara è superiore a 2.000.000 di euro in caso di appalto di «LAVORI» oppure è pari o superiore a 221.000 euro in caso di «SERVIZI/FORNITURE», fa comparire i seguenti messaggi di allarme:
Tuttavia premendo il comando «Ritorna e correggi» il calcolo dell'anomalia viene effettuato comunque, per consentirne la possibilità in caso di forniture e servizi che godono di una soglia più elevata (es. 443.000 euro nei settori speciali e 750.000 nei servizi ex allegato IX).
Il comando che massimizza ed espande il form       e quello che minimizza e riduce il form sono alternativi

A puro titolo titolo di aiuto, è possibile accedere alla cartella «test» e con il comando «TEST» simulare una gara con un numero casuale di concorrenti (da 12 a 35) e con offerte casuali dall'1% al 35%.

La funzione di testo ha il solo scopo di addestrare l'utente all'uso del programma

L'operazione rilevante è la scelta del metodo di calcolo, questa può essere fatta in due modalità:
- selezionando una delle 5 opzioni [a), b), c), d), e)] preventivamente sorteggiate fuori piattaforma;
- lasciando al sistema la selezione casuale con il pulsante di scelta random (immagine verde con la freccia bianca).
Le due modalità possono essere usate in alternativa senza ulteriori comandi.
Con un click sull'etichetta sotto il comando principale, compare la normativa di legge sul punto
Come compare in caso di opzione a) (la prima dell'articolo 97, comma 2).
Nel riquadro a destra compare il calcolo dettagliato della soglia di anomalia.
Senza selezionare la casella «ESCLUSIONE AUTOMATICA», nel riquadro in basso a sinistra compaiono:
- l'offerta migliore in assoluto; numero dell'offerta, offerente, posizione in graduatoria (necessariamente «1»);
- il valore percentuale e assoluto del ribasso offerto, l'importo netto ribassato, l'importo del contratto (compresi gli oneri di sicurezza);
- il valore della garanzia definitiva ex art. 103, comma 1, del Codice dei contratti, al lordo delle riduzioni di cui all'art. 93, comma 7.
Con la selezione della casella «ESCLUSIONE AUTOMATICA», nel riquadro in basso a sinistra compaiono:
- l'offerta migliore NON ANOMALA (la prima inferiore alla soglia di anomalia); numero dell'offerta, offerente, posizione in graduatoria;
- il valore percentuale e assoluto del ribasso offerto, l'importo netto ribassato, l'importo del contratto (compresi gli oneri di sicurezza);
- il valore della garanzia definitiva ex art. 103, comma 1, del Codice dei contratti, al lordo delle riduzioni di cui all'art. 93, comma 7.
Il dettaglio del calcolo nel riquadro a destra del pannello ovviamente resta immutato.
 
Nel caso la prima cifra decimale dopo la virgola della somma delle offerte centrali, dopo l'accantonamento delle offerte di maggior ribasso e di minor ribasso, sia «DISPARI» la media è decrementata di una percentuale corrispondente a tale cifra, con conseguente ricalcolo della soglia di anomalia, nel caso la stesa prima cifra decimale sia «PARI» la media resta immutata, così come la soglia di anomalia. (Consiglio di Stato, 30 agosto 2018, n. 13)
Come compare in caso di opzione c) (la terza dell'articolo 97, comma 2)
Come compare in caso di opzione d) (la quarta dell'articolo 97, comma 2)
Come compare in caso di opzione e) (la quinta dell'articolo 97, comma 2)
Con questo metodo si attiva la necessità di una seconda scelta, mediante il sorteggio del coefficiente di adeguamento tra i cinque proposti dalla normativa: 0,6 , 0, 8, 1, 1,2 e 1,4.
Se si è proceduto con la scelta manuale del metodo (sorteggiato fuori dalla piattaforma), il programma resta sospeso in attesa della selezione del coefficiente di adeguamento «K» (da 0,6 a 1,4 con scaglioni di 0,2)» indicato dalla freccia
Il programma riprende dopo la selezione del Coefficiente «K» e si conclude con l'individuazione dell'anomalia (es. coefficiente è «0,8»).
In alternativa alla selezione fuori piattaforma del metodo di calcolo visto in precedenza (con i 5 pulsanti di opzione) può essere premuto il comando random costituito dal riquadro verde con freccia bianca posto a destra dei pulsanti di opzione.
Il programma sceglie casualmente quale metodo utilizzare; per il calcolo e i risultati valgono le argomentazioni che precedono.
Nel caso la selezione random scelga il metodo e), il coefficiente di rettifica «K» compare automaticamente con una autonoma sequenza causale impostata dal sistema.
Nel caso particolarissimo nel quale tutti i valori delle offerte siano concentrati in un range molto limitato, può accadere (anche se la fattispecie è rarissima) che:
1- non vi siano offerte anomale; nel caso del metodo ex lettera c), l'incremento del 15 per cento può comportare una soglia di anomalia virtuale superiore al maggior ribasso;
2- tutte le offerte risultino anomale; nel caso del metodo ex lettera e), qualora il coefficiente di adeguamento sia pari a 0,60 la moltiplicazione per 0,60 può comportare una soglia di anomalia virtuale inferiore al minor ribasso.
In questi casi, l'ultima casella in basse a destra, dedicata al numero delle offerte anomale, compare una delle seguenti forme:

3. Conclusione

Il foglio di Excel si adegua scoprendo le colonne necessarie

Così compare il foglio di Excel, nel caso dei metodi a), b) ed e):
Nella colonna «Ribasso%»:
- i ribassi percentuali delle offerte;
- con fondo grigio le "ali" , solo nei casi di cui alle lettere a), b) ed e);
- con caratteri gialli su fondo rosso  la migliore offerta inferiore alla soglia di anomalia;
Nella colonna «Graduatoria» la graduatoria (numerazione crescente dall'alto verso il basso);
Nella colonna «Sconto» il ribasso in cifra assoluta;
Nella colonna «scarti» le parti delle offerte superiori alla media, solo nei casi di cui alle lettere a), b) ed e);
Nella colonna «Contratto» l'importo teorico del contratto (importo al netto del ribasso sommato agli oneri di sicurezza);
Gli eventuali concorrenti non ammessi o le offerte non ammesse compariranno senza offerta nelle ultime righe del foglio, con l'indicazione in rosso «non ammessa» nella colonna «Graduatoria» e con il nominativo su fondo bianco.
Con il comando «Elenco» (si veda più avanti) la graduatoria può essere riordinata in ordine di elenco originario (secondo l'ordine di numerazione della colonna «n.»).
Il riordino nella numerazione dell'elenco originario mantiene l'individuazione delle offerte non ammesse, delle offerte pari o superiori alla soglia di anomalia e dell'offerta migliore inferiore alla soglia di anomalia, nonché delle offerte interne alle ali nei casi di cui alle lettere a), b) ed e).

4. Comandi accessori

La parte destra in basso del Pannello di controllo presenta i seguenti comandi accessori:

    

«Azzera tutto»
che attiva il seguente messaggio di scelta:

«NO, annulla» mantiene i dati e  torna al Pannello di controllo.
«SI, azzera tutto»
cancella tutti i dati e riporta il file allo stato originario di neutralità.

«Conferma» che riporta in Excel il quadro riepilogativo del procedimento seguito.
«Salva»: salva il file con lo stesso nome, e sovrascrive un eventuale file con lo stesso nome presente nella stessa cartella.    
 «Salva con nome»: salva il file ma richiede di assegnare un nuovo nome. Si apre la classica finestra di Windows "Salva come ..."

Se nella directory dove si tenta di salvare con nome esiste già un file con lo stesso nome (e, ovviamente, non si vuole sovrascriverlo), potrebbe comparire il seguente messaggio di allarme che impedisce il salvataggio.
In tal caso è possibile riprovare a salvare con un nome diverso oppure in un'altra directory.

«Stampa» che attiva il seguente messaggio di scelta:
«NO, annulla» si rinuncia alla stampa e si torna al Pannello di controllo.
«Stampa» attiva le opzioni di stampa in un nuovo pannello accessorio.
Selezionando le parti da stampare e poi con il comando «Stampa» si procede alla stampa di una o più delle seguenti parti:

- elenco delle offerte in ordine di presentazione (conserva l'individuazione della migliore offerta non anomala);
- elenco delle offerte in ordine di  graduatoria;
- stampa il Form (il pannello di controllo così come compare a video);
- stampa il quadro riepilogativo da Excel (si veda più avanti).

Navigatore:
per navigare sul foglio di Excel senza uscire dal programma.
Le frecce orizzontali spostano la visualizzazione delle colonne a sinistra e a destra.
Le prime frecce verticali spostano la visualizzazione di 3 righe per volta in alto e in basso.
Le seconde frecce verticali spostano la visualizzazione di una pagina per volta in alto e in basso.
Il pulsante rosse al centro chiude il navigatore.
A differenza di tutti gli altri form, il navigatore può essere chiuso anche con il comando standard di windows («X» in alto a destra).
il comando «i» lancia la guida on-line

il comando di chiusura è descritto alla fine delle presenti note

Conferma: completa il Quadro riepilogativo sul foglio di Excel.

Il Comando «Elenco inserimento» porta in primo piano gli offerenti nell'ordine iniziale di introduzione (mantenendo viva la graduatoria).

Il Comando «Graduatoria» riporta in primo piano la graduatoria decrescente.

Con il comando «Conferma» appare il quadro riepilogativo che si presenta come riportato nel seguito.
Nell'esempio è stato utilizzato il metodo di cui alla lettera a), con l'esclusione automatica delle offerte anomale.
A seconda del metodo utilizzato le righe e i dati non pertinenti sono seminascosti (caratteri di colore bianco su fondo grigio).
Il Form si chiude solo con il comando di chiusura in basso a destra
(il comando di chiusura standard di sistema in alto a sinistra è disattivato)

 

alla chiusura, compare sempre un messaggio come segue:

Con «No» si torna al programma;


Con «Sì, salva elenco e chiudi», chiude il programma ma salva i dati in ordine numerico di inserimento;


Con «Sì, salva l'esito e chiudi», chiude il programma ma salva i dati in ordine di graduatoria;


Con «Sì, chiudi senza salvare», chiude il programma cancellando tutti i dati immessi (come se fosse preceduto dal comando «Azzera».

 

I due comandi «Sì, salva ... e chiudi» corrispondono alla sequenza dei comandi «Salva» (con aggiornamento e sovrascrittura del file con lo stesso nome) e «Sì, chiudi senza salvare».
Per salvataggio con un nome diverso si veda al comando «Salva con nome».


(Nota)
L'utility in VBA ha natura sperimentale e la sua distribuzione è gratuita.
Pertanto gli autori non si assumono alcuna responsabilità circa il suo corretto funzionamento.
Gli utenti che riscontrassero eventuali inconvenienti sono pregati comunque di segnalarli QUI tramite e-mail, al fine di contribuire a porvi rimedio.

Windows, Office, Excel e VBA sono marchi registrati da Microsoft Inc.

vai all'inizio

Chiudi la guida