GUIDA - Appalti di lavori e di servizi e forniture
Graduatoria offerte di solo prezzo (ribasso sul prezzo)
Rev. 0.02 - 21 agosto 2019

Chiudi la guida

articolo 97, commi 2, 2-bis e 8, del decreto legislativo n. 50 del 2016
 (Nota)

Premessa.

L'obbiettivo del programma è quello di individuare la soglia di anomalia secondo il noto articolo 97, commi 2, 2-bis e 8, del decreto legislativo n. 50 del 2016.

L'apertura del programma avviene normalmente con l'apertura del file Excel "aggregazioni.xlsm" (per tutte le versioni di Excel 2010, 2013, 2016 e 365) mediante l'ordinario comando "Apri" da Excel o col click o doppio click sul nome del file in Esplora risorse (a seconda dell'impostazione di Windows).
Il foglio funziona con  Windows 8 e Windows 10, sia a 32 bit che a 64 bit; tuttavia funziona solo se è installato Office 2010,  Office 2013, Office 2016 o Office 365 (sia 32 bit che 64 bit).
Il foglio funziona solo con le macro attivate (abilitare le macro con le note procedure di Excel e Office).
l foglio non funziona con Excel On-line di OneDrive o con le App di Excel in ambiente Android di Google o in ambiente IOs di Apple
Il foglio funziona anche on-line (con il comando «Esegui» una volta selezionato con l'apposito link), tuttavia in tal caso i risultati possono essere salvati solo sul proprio PC in locale.
Si consiglia comunque di eseguirlo sul PC in locale dopo averlo scaricato (con il comando «Salva» o «Salva con nome» una volta selezionato con l'apposito link)

Se il programma all'avvio o all'attivazione del Pannello di gestione restituisce un errore iniziale del tipo "Errore di compilazione ..." oppure "Errore di compilazione: Impossibile trovare il progetto o la libreria", consultare l'HELP ed effettuare le operazioni suggerite in tale guida di help:

1. Presentazione del foglio di Excel

All'avvio il foglio di Excel si presenta nel seguente modo:
- nel primo rigo con fondo di colore verde introdurre la denominazione della Stazione appaltante (facoltativa),
- nel secondo rigo con fondo di colore verde introdurre la denominazione sintetica dell'appalto (facoltativa),
- nella prima cella di colore verde (sotto l'indicazione «totale A RIBASSO») introdurre l'importo soggetto a ribasso (opportuno),
- nella seconda cella di colore verde (sotto l'indicazione «Costi di sicurezza ...» introdurre l'importo non soggetto a ribasso (opportuno),
- nella terza cella di colore verde sotto (l'indicazione «TOTALE ...») compare la somma dei primi due importi (non modificare).
Nella prima cella gialla compare il numero delle offerte ammesse (uguale o minore, ma mai superiore, del numero degli offerenti), calcolato automaticamente dal programma (cella da non modificare manualmente).
I due comandi di «TEST...» non necessitano di spiegazioni (che si possono leggere nel riquadro di testo posto alla loro destra).
E' necessario fare attenzione poiché i comandi di «TEST...» servono solo per simulare delle gare casuali, al solo fine di sperimentare e comprendere il percorso logico dei calcoli. Azionando uno dei comandi «TEST...» si azzerano tutti i contenuti precedenti. Pertanto se è in corso una gara reale, prima di utilizzare un comando «TEST...» salvare il lavoro con un nuovo nome il comando «Salva con nome» posto in basso a sinistra del pannello.
 

2. Introduzione e input dei dati

Se sono già presenti i dati della gara o di una gara precedente (offerenti e offerte), con un doppio click del tasto destro del mouse in qualsiasi punto del foglio di Excel si avvia il Pannello di controllo.
Se non sono presenti i dati della gara (file vergine o con i primi cinque offerenti e le prime cinque offerte di default) è necessario introdurre la denominazione degli offerenti nelle celle verdi della colonna con intestazione «Offerenti».
Si raccomanda di non introdurre il numero d'ordine nella prima colonna (che precede la denominazione degli offerenti).
Se, per qualunque motivo, si volesse modificare il numero d'ordine di immissione, avere cura di mantenere la sequenza (nessun offerente deve avere un numero uguale a quello di un altro offerente, e la sequenza dei numeri deve essere continua). Comunque si ribadisce la raccomandazione di non modificare il numero d'ordine.
I dati possono essere introdotti sia che il Pannello di controllo sia attivo che non attivo.

Sul foglio di Excel sono sempre disponibili tutti i menù e i comandi ordinari di Excel (Apri, Chiudi, Salva, Salva con nome, Stampa ecc.), che di norma, non sono necessari per la gestione del file.
Per l'introduzione dei dati è necessario attenersi alle istruzioni per evitare la modifica o la cancellazione accidentale delle formule.

Introdurre le offerte nella colonna con intestazione «Ribasso», mediante il numero senza indicazione del simbolo «%» e con il separatore dei decimali «,» (virgola) e non con il «.» (punto). Il sistema formatta automaticamente le offerte con 4 cifre dopo la virgola.
L'introduzione delle offerte può avvenire in un secondo tempo, aprendo il file salvato con la sola indicazione degli offerenti.
Le offerte escluse vanno indicate con il valore 0 (zero) che comparirà formattato come segue « - ».
Non sopprimere gli offerenti esclusi ma limitarsi a introdurre il valore 0 (zero) che comparirà formattato « - » in corrispondenza della relativa offerta.

Se la documentazione di gara impone un  numero massimo di decimali per le offerte, nell'introduzione dei ribassi basterà:
- se imposto il troncamento basterà limitarsi appunto ai primi decimali ammessi troncando il resto;
- se imposto l' arrotondamento basterà formattare le colonna sulla base dei decimali ammessi, secondo la prassi di Excel;
- è irrilevante che il foglio mostri uno o più zeri come ultime cifre dopo la virgola, nel primo caso il calcolo è effettuato utilizzando il ribasso "troncato", nel secondo caso utilizzando il ribasso "arrotondato".
I calcoli delle medie e delle soglie sono fatti invece senza troncamenti né arrotondamenti, bensì fino al limite che costituisce una discriminante nella determinazione di tali medie e soglie.

Nel caso eccezionale di riammissione di un offerente escluso in precedenza, introdurre regolarmente la sua offerta in luogo dello 0 (zero); nello stesso caso si dovrà attivare di nuovo il calcolo dal pannello di controllo con il comando «alla GRADUATORIA finale».
La misura delle offerte è sempre modificabile (anche se non se ne vede la ragione); nel caso eccezionale un'offerta fosse modificata manualmente, si dovrà attivare di nuovo il calcolo dal pannello di controllo con il comando «alla GRADUATORIA finale».
Non introdurre alcunché delle colonne «Graduatoria», «Centrali» e «Scarti».

E' preferibile che tali operazioni siano effettuate prima dell'uso del comando:


 

2. Gestione del Pannello di controllo

Il Pannello di controllo, se non aperto automaticamente all'apertura del file di Excel, è attivato con un doppio click del tasto destro del mouse in qualsiasi punto del foglio di Excel.

Presentazione iniziale del Pannello di controllo (con almeno 15 offerte ammesse, ex art. 97, comma 2)
Il numero delle offerte ammesse, dopo la loro introduzione nel file di Excel, compare a sinistra nella casella con fondo giallo.

Se il pannello non compare effettuare l'avvio di emergenza con doppio click del mouse in qualunque punto del foglio di Excel.

Presentazione iniziale del Pannello di controllo (con meno 15 offerte ammesse, ex art. 97, comma 2-bis)
La parte superiore del pannello resta invariata.

Così come resta invariato il riquadro a destra che sarà dedicato all'offerente e all'offerta migliore.

Pannello dopo la pressione del comando «alla GRADUATORIA finale»; con almeno 15 offerte ammesse (articolo 97, comma 2)
secondo l'interpretazione prevalente della lettera d), come indicata dal MIT, di ANAC e TAR Bologna
Sul lato destro l'iter logico seguito per procedere al calcolo della soglia di anomalia.

Sul lato sinistro l'individuazione del miglior offerente, con la migliore offerta e lo sconto in euro, dopo l'esclusione delle offerte anomale (offerta migliore inferiore alla soglia di anomalia) con l'importo del contratto e della garanzia definitiva.

Risultato sul foglio di Excel
Il foglio di Excel è riordinato in automatico in ordine decrescente, con in evidenza le offerte nelle ali (celle con fondo grigio), l'offerta migliore (cella con fondo rosso), in alto le offerte pari o superiori alla soglia di anomalia e in basso, in ordine di graduatoria le offerte inferiori a quella migliore.
Con il comando «all'elenco originale in ordine di immissione» il foglio di Excel rielabora gli offerenti e le offerte secondo l'ordine numerico iniziale, pur mantenendo l'individuazione delle «ali», dell'offerta migliore e delle offerte pari o superiori alla soglia di anomalia distinte dalle offerte inferiori alla soglia di anomalia
 
i comandi «alla GRADUATORIA finale» e «all'elenco originale in ordine di immissione» sono alternativi e sono reversibili, nel senso che possono essere usati liberamente alla conclusione della procedura.
Risultato sul foglio di Excel dopo il riordino all'elenco originale in ordine di immissione
Il foglio di Excel è riordinato in automatico in ordine di immissione (l'ordine iniziale).

Restano conservate le condizioni di ciascuna offerta nell'ambito della graduatoria.

 
 
La pressione con un click del mouse sull'etichetta «Totale Offerte accantonate» oppure sulla cella a destra della stessa etichetta viene evidenziato l'iter seguito per la determinazione del numero delle offerte da accantonare (nelle «ali»), con particolare riferimento ai casi di più offerte uguali ricorrenti nel calcolo del 10% di default.
Il menu a discesa (a sinistra in alto), consente di selezionare se si tratta di un appalto di lavori, di servizi o forniture, oppure di servizi ex allegato IX, e consentee consente di accedere al calcolo della soglia di anomalia senza esclusione automatica ai sensi dell'articolo 97, comma 8, del Codice dei contratti, qualora l'importo posto a base di gara sia superiore alla pertinente soglia comunitaria.
Per default, in assenza di scelta, il programma propone la routine «LAVORI».

La casella di selezione «INTERESSE TRANSFRONTALIERO» consente di accedere al calcolo della soglia di anomalia ma non consente di accedere all'esclusione automatica ai sensi dell'articolo 97, comma 8, del Codice dei contratti, trattandosi di fattispecie vietata.
Per default, in assenza di scelta, la casella non è selezionata.

Il sistema non funziona in assenza di almeno 5 offerenti immessi nella colonna verde «Offerente» o in assenza di almeno 5 offerte nella colonna verde «Ribasso %»
L'avvio a vuoto (senza offerenti o senza offerte) o con meno di 5 offerenti o con meno di 5 offerte, oppure una riga vuota tra gli offerenti o tra le offerte, provoca il seguente messaggio (con ritorno al foglio di Excel per l'integrazione dei dati): L'avvio a vuoto con meno di 10 offerte (essendo vietata l'esclusione automatica ai sensi dell'articolo 97, comma 8, del decreto legislativo n. 50 del 2016) provoca il seguente messaggio; si prosegue con il calcolo della soglia di anomalia ma senza esclusione automatica.
Se l'importo dell'appalto è pari o superiore alla soglia di rilievo comunitario, essendo vietata l'esclusione automatica, compare il seguente messaggio: Se è stata selezionata la casella «Interesse transfrontaliero?» anche se l'importo dell'appalto è inferiore alla soglia di rilievo comunitario, essendo vietata l'esclusione automatica, compare il seguente messaggio:
In tutti i casi di divieto di ricorso all'esclusione automatica, il programma prosegue nel calcolo della soglia di anomalia con l'individuazione delle offerte anomale ma senza esclusione automatica.
Nel riquadro in basso a sinistra compaiono:
- l'offerta migliore NON ANOMALA (la prima inferiore alla soglia di anomalia); numero dell'offerta, offerente, posizione in graduatoria;
- il valore percentuale e assoluto del ribasso offerto, l'importo netto ribassato, l'importo del contratto (compresi gli oneri di sicurezza);
- il valore della garanzia definitiva ex art. 103, comma 1, del Codice dei contratti, al lordo delle riduzioni di cui all'art. 93, comma 7.
Il dettaglio del calcolo nel riquadro a destra del pannello ovviamente resta immutato.
Nel caso particolarissimo nel quale tutti i valori delle offerte siano concentrati in un range molto limitato, può accadere (anche se la fattispecie è rarissima) che non vi siano offerte anomale.

3. Conclusione

Il foglio di Excel si adegua scoprendo le colonne necessarie

Così compare il foglio di Excel, nel caso dei metodi a), b) ed e):
Nella colonna «Ribasso %»:
- i ribassi percentuali delle offerte;
- con fondo grigio le "ali" , solo nei casi di cui alle lettere a), b) ed e);
- con caratteri gialli su fondo rosso  la migliore offerta inferiore alla soglia di anomalia;
Nella colonna «Graduatoria» la graduatoria (numerazione crescente dall'alto verso il basso);
Nella colonna «Sconto» il ribasso in cifra assoluta;
Nella colonna «scarti» le parti delle offerte superiori alla media, solo nei casi di cui alle lettere a), b) ed e);
Nella colonna «Contratto» l'importo teorico del contratto (importo al netto del ribasso sommato agli oneri di sicurezza);
Gli eventuali concorrenti non ammessi o le offerte non ammesse compariranno senza offerta nelle ultime righe del foglio, con l'indicazione in rosso «non ammessa» nella colonna «Graduatoria» e con il nominativo su fondo bianco.
Con il comando «Elenco» (si veda più avanti) la graduatoria può essere riordinata in ordine di elenco originario (secondo l'ordine di numerazione della colonna «n.»).
Il riordino nella numerazione dell'elenco originario mantiene l'individuazione delle offerte non ammesse, delle offerte pari o superiori alla soglia di anomalia e dell'offerta migliore inferiore alla soglia di anomalia, nonché delle offerte interne alle ali.

4. Comandi accessori

Il pulsante della targa lancia la pagina «https://www.bosettiegatti.eu».
Il comando
«i - info» lancia la presente guida on line.
Il comando che massimizza ed espande il form e quello che minimizza e riduce il form sono alternativi
Il comando che minimizza e riduce il form consente una visione in primo piano del foglio di Excel.

 

Massimizza: pulsante verde
Minimizza: pulsante rosso

Il comando «+ Aggiungi» consente di aggiungere un nuovo concorrente in coda all'elenco.
E' abilitato SOLO se i concorrenti sul foglio di Excel sono elencati secondo l'ordine originale di immissione (per mantenere l'ordinamento numerico);
è disabilitato se i concorrenti sono elencati in Graduatoria.
L'utilizzo di questo comando avviene solo in casi eccezionali; infatti i concorrenti (anche se successivamente esclusi) di norma sono previsti tutti mediante la loro introduzione iniziale; anche offerenti eventualmente esclusi, quindi con offerta 0 (zero) e poi riammessi successivamente sono già previsti in elenco e rimessi in gioco con l'indicazione della loro offerta.

La parte in basso del Pannello di controllo presenta i seguenti comandi accessori:

 «Salva con nome»: salva il file ma richiede di assegnare un nuovo nome. Si apre la classica finestra di Windows "Salva come ..."

Se nella directory dove si tenta di salvare con nome esiste già un file con lo stesso nome (e, ovviamente, non si vuole sovrascriverlo), potrebbe comparire il seguente messaggio di allarme che impedisce il salvataggio.
In tal caso è possibile riprovare a salvare con un nome diverso oppure in un'altra directory.

«Salva»: salva il file con lo stesso nome, e sovrascrive un eventuale file con lo stesso nome presente nella stessa cartella.    
«Stampa» che attiva il seguente messaggio di scelta:

«NO, annulla» si rinuncia alla stampa e si torna al Pannello di controllo.
«Stampa» attiva le opzioni di stampa in un nuovo pannello accessorio.

Selezionando le parti da stampare e poi con il comando «Stampa» si procede alla stampa di una o più delle seguenti parti:

- elenco delle offerte in ordine di presentazione (conserva l'individuazione della migliore offerta non anomala);
- elenco delle offerte in ordine di  graduatoria;
- stampa il Form (il pannello di controllo così come compare a video);
- stampa il quadro riepilogativo da Excel (si veda più avanti).

«Azzera tutto» attiva il seguente messaggio di scelta:

«NO, annulla» mantiene i dati e  torna al Pannello di controllo.
«SI, azzera tutto»
cancella tutti i dati e riporta il file allo stato originario di neutralità.

 

Il comando «AZ» riordina gli Offerenti in ordine alfabetico (non influisce sui calcoli).

Il comando «Navigatore» (con le quattro frecce) permette di scorrere il foglio di Excel senza uscire dal programma. Le frecce orizzontali spostano la visualizzazione delle colonne a sinistra e a destra. Le frecce verticali spostano la visualizzazione in alto e in basso. Il pulsante rosse al centro chiude il navigatore.
Il navigatore può essere chiuso anche con il comando standard di windows («X» in alto a destra).

il comando di chiusura è descritto alla più avanti.

Il Form si chiude solo con il comando di chiusura in basso a destra
(il comando di chiusura standard di sistema in alto a destra è disattivato)
alla chiusura, compare sempre il seguente pannello con quattro messaggi alternativi:

 

Con «No, titorna» si torna al programma;


Con «Sì, salva elenco e chiudi», si chiude il programma ma si salvano i dati in ordine numerico di inserimento;


Con «Sì, salva l'esito e chiudi», si chiude il programma ma si salvano i dati in ordine di graduatoria;


Con «Sì, chiudi senza salvare», si chiude il programma cancellando tutti i dati immessi (come se fosse preceduto dal comando «Azzera»).

 

I due comandi «Sì, salva ... e chiudi» corrispondono alla sequenza dei comandi «Salva» (con aggiornamento e sovrascrittura del file con lo stesso nome) e «Salva con nome».
Per salvataggio con un nome diverso si veda al comando «Salva con nome».


(Nota)
L'utility in VBA ha natura sperimentale e la sua distribuzione è gratuita.
Pertanto gli autori non si assumono alcuna responsabilità circa il suo corretto funzionamento.
Gli utenti che riscontrassero eventuali inconvenienti sono pregati comunque di segnalarli QUI tramite e-mail, al fine di contribuire a porvi rimedio.

Windows, Office, Excel e VBA sono marchi registrati da Microsoft Inc.

vai all'inizio

Chiudi la guida